A 200 anni dalla nascita di Friedrich Engels

il

di Dario Ortolano Segretario Federazione PCI Torino

Friedrich Engels, nacque a Barmen ( Germania ), il 28 novembre del 1820, e quindi ricorre il 200 esimo anniversario della sua nascita. Vogliamo cogliere l’occasione di questa ricorrenza temporale, per tratteggiare i punti salienti del suo grande pensiero rivoluzionario, che ne hanno fatto, non soltanto il coautore di diverse opere con Marx, e, quindi, il fondatore, insieme a lui, del materialismo storico e dialettico e del socialismo scientifico, ma anche, il loro più coerente divulgatore e difensore, oltreché, aspetto questo, forse meno conosciuto, interprete, attraverso i principi e la metodologia marxista, dei più diversi aspetti della conoscenza umana.F. Engels, era figlio di un grande industriale tedesco, proprietario di fabbriche tessili, sia in Prussia che in Inghilterra. Trascorso il periodo del servizio militare, a Berlino, egli viene mandato, da suo padre, appena compiuti i 22 anni, a Manchester, presso la ditta cotoniera della quale egli era socio.Durante il suo soggiorno in quella città, entra in contatto con gli ambienti operai e dell’immigrazione irlandese, frequentando i leader socialisti e cartisti inglesi, appassionandosi alle loro lotte ed alle loro pubblicazioni. Contemporaneamente, con l’invio di articoli per la ” Gazzetta Renana “, inizia la sua collaborazione con Karl Marx. Tornato in patria, in pochi mesi, scrive ” La situazione della classe operaia in Inghilterra “, libro che viene pubblicato, per la prima volta, nell’estate 1845 e che egli dedica, come affermato nella sua presentazione, agli operai ed alle loro condizioni di vita e di lotta: ” Operai, a voi dedico un’opera, nella quale mi sono sforzato di presentare, ai miei compatrioti tedeschi, un quadro fedele delle vostre condizioni, delle vostre sofferenze e lotte, delle vostre speranze e prospettive…Ho osservato che voi simpatizzate con chiunque dedichi seriamente, le sue forze, al progresso umano…ho trovato che siete uomini, membri della grande ed universale famiglia dell’umanità, i quali sanno che i propri interessi coincidono con quelli di tutto il genere umano. Andate avanti, come avete fatto finora, e nessun passo, da voi compiuto, sarà perduto, per la nostra causa comune, la causa dell’umanità. “Friedrich Engels, si è occupato molto, anche dell’Italia, studiando profondamente, molteplici aspetti della sua storia ed in modo particolare gli avvenimenti che hanno caratterizzato la sua lotta per la conquista della propria unità ed indipendenza nazionale, giungendo a prevedere, con adeguato anticipo che ” L’Italia, il Paese, la cui sollevazione, ha costituito il prologo della sollevazione europea del 1848, si solleverà per una seconda volta..”, fino a seguire minuziosamente le cronache del nostro moto risorgimentale, entrando nel merito dei vari aspetti di tecnica militare delle singole battaglie che ne caratterizzeranno lo sviluppo, tanto che Marx, arriverà a chiamarlo, con affetto ma realisticamente, ” il mio generale “.

Ma, soprattutto, F. Engels è stato, durante tutta la sua vita, e tanto più dopo la morte di Marx, il più strenuo difensore del carattere rivoluzionario del socialismo scientifico, contro tutti i tentativi di sua deformazione in senso revisionista e riformista.In questa direzione, a metà luglio del 1878, a Lipsia, usciva la prima edizione dell’ ” Antidühring “, in cui si condensava, in un grande trattato organico, la concezione materialistica della storia e della politica, elaborata in più di trent’anni, da Marx ed Engels, in cui, tra l’altro, egli afferma: ” L’ordinamento sociale vigente, è stato creato dalla classe oggi dominante, la borghesia, una classe che possiede il monopolio di tutti gli strumenti di produzione e dei mezzi di sussistenza, ma che, in ogni periodo di ascesa vertiginosa ed in ogni crisi che lo segue, dimostra di essere incapace di dominare, ancora, in avvenire, le forze produttive che, crescendo, sono sfuggite al suo potere; una classe, sotto la cui guida, la società corre verso la rovina…Su questo fatto materiale, tangibile, che, in una forma più o meno chiara, ma con necessità irresistibile, si impone alla mente dei proletari sfruttati, si fonda la certezza di vittoria del socialismo moderno. “Ed infine, all’inizio di ottobre 1884, a Zurigo, uscì ” L’ Origine della famiglia, della proprietà e dello Stato ” che costituisce un ulteriore e decisivo punto di approdo e di sintesi della analisi storica e materialistica del mondo, con particolare attenzione al ruolo della famiglia e dei soggetti che la compongono. In essa, le affermazioni contenute, assumono, ancor oggi, un carattere avveniristico:

” La moderna famiglia singola, è fondata sulla schiavitù domestica della donna… Al giorno d’oggi, l’uomo, che alimenta la famiglia, assume una posizione di comando. Egli è il borghese e la donna rappresenta il proletario “, indicando nella socializzazione dei mezzi di produzione e nella conquista di una nuova posizione della donna, nel lavoro e nella società, le condizioni fondamentali e necessarie della propria emancipazione sociale, culturale ed umana.

Così, Friedrich Engels, a duecento anni dalla sua nascita, si staglia all’orizzonte dello sviluppo dell’umanità, insieme a Karl Marx, come fondatore del pensiero storico-materialistico che, dall’analisi delle classi e della loro lotta, che ha caratterizzato tutte le fasi della storia dell’umanità, ha posto le fondamenta del socialismo scientifico, come prospettiva di emancipazione della classe operaia, dei lavoratori e dell’umanità intera. Così lo ricordiamo e così continueremo ad attingere al suo pensiero, nella quotidiana lotta, contro il capitalismo, l’imperialismo, per il socialismo !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...