“Pacifismo” o “lotta per la pace”?

di Dario Ortolano

Nei giorni scorsi, la Duma della Federazione Russa, ha riconosciuto, giuridicamente e politicamente, le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, predisponendo Trattati di reciproca collaborazione politica, economica e militare, a cui si sta dando, in queste ore, piena e fattiva attuazione. La reazione dell’ imperialismo USA ed UE è stata, fin da subito, furibonda e minacciosa, tanto che ieri, il Presidente USA, Biden, è arrivato ad affermare che ” Putin la pagherà cara “. Dobbiamo anche registrare, nel contesto dato, che alcuni settori del movimento ” pacifista ” tendono ad equiparare, in queste ore, come anche in altre circostanze del passato, l’imperialismo USA ed UE, che si è espresso, negli ultimi 30 anni col proprio espansionismo nell’ Europa orientale, fino a minacciare i confini della Russia, con ” l’imperialismo russo ” che sarebbe, a parer loro, corresponsabile nel minacciare la pace e creare tensioni di guerra.

Poiché tale questione è di grande spessore politico e teorico, ed in grado di condizionare la politica e gli equilibri mondiali attuali, riteniamo che sia giunto il momento di affrontarla nella sua compiutezza. Dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917, i principali paesi capitalisti ed imperialisti del mondo, invasero il territorio della giovane Repubblica Sovietica Russa, al fine di soffocare ” nella culla “, la rivoluzione proletaria, fomentando negli anni 1918/21, una feroce e distruttiva guerra civile.

Sconfitte le forze reazionarie, interne ed internazionali, il 30 dicembre 1922, le Repubbliche sovietiche di Russia, Bielorussia, Ucraina e Transcaucasia, diedero vita alla Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche ( URSS ) che, dopo ampio ed approfondito dibattito interno, iniziò a porre le basi della costruzione del primo Paese socialista al mondo. Dopo l’ avvento al potere, in Germania, il 30 gennaio 1933, di Hitler, l’ Unione Sovietica fu l’unica a comprenderne, fin da subito, tutti i pericoli per la pace mondiale.

Infatti, nel gennaio 1934, Stalin, dichiarò, al Congresso del Partito che la ” nuova ” politica tedesca, ricordava, a grandi linee, quella dell’ex Kaiser che, un tempo, aveva fatto occupare l’Ucraina ed aveva iniziato una campagna militare contro Leningrado, dopo aver trasformato i Paesi Baltici in una base operativa per questa campagna. Stalin aggiunse anche: ” Se gli interessi dell’URSS richiederanno un avvicinamento a qualsiasi Paese che non abbia interesse a vedere violare la pace, lo faremo senza esitazioni. “

Così, durante gli anni ’30 del secolo scorso, di fronte all’ incalzante aggressività dell’imperialismo tedesco, italiano e giapponese, la diplomazia sovietica si schierò, di fronte ai pericoli per la pace, sempre dalla parte dei paesi e dei popoli minacciati dall’imperialismo, offrendo ad essi il proprio aiuto politico, economico e militare. Ugualmente, durante la seconda guerra mondiale, l’ URSS, sottoposta ad una delle più feroci aggressioni militari, da parte del nazifascismo, finalizzata allo sterminio ed all’annientamento dei suoi popoli e dello Stato, promosse un ampio fronte di resistenza democratica, che comprendeva anche i suoi precedenti aggressori.

Nel secondo dopoguerra, le tradizionali potenze capitaliste ed imperialiste mondiali, ripresero la loro posizione di contrasto e di attacco contro il socialismo, la democrazia, la pace e la libertà, sovranità ed indipendenza nazionale dei popoli e degli Stati. Nel corso dei decenni, gli USA, prima, ed in seguito la UE, assunsero un ruolo di capofila nell’azione di destabilizzazione e di aggressione verso regimi politici e sociali che non accettavano il loro progetto di dominio mondiale.

Con la fine dell’URSS e dei Paesi socialisti europei, l’imperialismo USA ed UE, ha messo in atto una profonda e continuativa azione di penetrazione in Europa orientale, tramite la NATO, imponendo a tutti i governi che dimostravano interesse all’adesione alla UE, la preventiva adesione alla NATO stessa. E così giungiamo ai giorni nostri, con la NATO che minaccia di installarsi fino ai confini della Russia, attraverso l’adesione dell’Ucraina, dopo che, in questo paese, nell’anno 2014, è stato compiuto un feroce colpo di Stato, reazionario e fascista, contro il Presidente Janukovyc, che si era sempre opposto all’ adesione del suo Paese, alla NATO stessa. Questi sono i fatti, che ci hanno portato alla attuale ” crisi ucraina “, con la reiterata richiesta, da parte della Federazione Russa, verso le autorità ucraine attuali ed i vertici della NATO, a non estendere la propria organizzazione politico-militare ai confini con la Russia.

Che cosa avrebbero dovuto fare il Presidente Putin, la Duma Russa, il Partito Comunista della Federazione Russa che, nella Duma, si è fatto promotore della mozione per il riconoscimento delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, dopo l’assenza di risposte convincenti alle loro richieste di garanzia di difesa della libertà, sovranità ed indipendenza nazionale, con la ” neutralizzazione ” della Ucraina ??!!

Attendere altri colpi di Stato, invasioni e guerre come quelle promosse dall’ imperialismo USA ed UE, tramite la NATO, contro la Jugoslavia, l’Iraq, l’Afghanistan, la Libia e la Siria, negli ultimi trent’anni, nel rispetto di quello che viene chiamato impunemente e vergognosamente ” ordinamento ” o ” comunità internazionale ” ??!! È questa la ” pace ” per cui, alcuni settori del movimento ” pacifista “, si sentono di lottare, accomunando in una unica dizione di ” imperialismo ” gli USA, la UE, la Russia, la Cina e chi altro ancora, senza distinzione fra aggressori ed aggrediti, fra carnefici e vittime, concependo unicamente tale concetto come assenza di guerra ??!!

Noi comunisti non la pensiamo così e contestiamo fermamente la validità di tale concezione.

Nel mondo di oggi esiste l’imperialismo USA ed UE che costruisce, quotidianamente, ed ormai da molti anni, il suo micidiale e feroce progetto di dominio mondiale, con i metodi che abbiamo visto e vediamo ogni giorno. Poi esistono decine e decine di popoli e di Stati, che, con ogni mezzo a loro disposizione, a prescindere dal loro regime politico, economico e sociale interno, hanno diritto di difendere, contro l’aggressività dell’imperialismo USA ed UE, la propria libertà, sovranità ed indipendenza nazionale, come condizione del proprio sviluppo socioeconomico e benessere dei popoli.

Questo è ciò che vediamo e per cui abbiamo imparato a lottare, sulla base di una analisi realistica e fattuale dello sviluppo degli equilibri mondiali. Non, quindi, un indistinto ed inefficace ” pacifismo “, che accomuna ” tutti ” in uguali responsabilità, ma una lotta per la pace, la libertà, solidarietà e fraternità dei popoli e degli Stati, che vogliono costruire un ordinamento mondiale, fondato sulla giustizia ed uguaglianza sociale, in una prospettiva condivisa dalla umanità intera.

CONTRO L’IMPERIALISMO, IL CAPITALISMO, PER IL SOCIALISMO !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...